FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

La Pianura Padana - Quali sono le caratteristiche della Pianura Padana? - Quali vantaggi offre all’agricoltura? La Pianura Padana è la più vasta pianura d’Italia. È una pianura alluvionale che si è formata con i detriti portati dal Po e da altri fiumi che scendono dalle Alpi e dagli Appennini. I fiumi hanno depositato a valle prima i detriti più pesanti, poi quelli più piccoli. La Pianura Padana è formata da tre zone con caratteristiche differenti: l’alta pianura, la fascia delle risorgive e la bassa pianura. L’alta pianura si estende ai piedi delle montagne e non supera i 200 metri sul livello del mare. È formata dal deposito dei detriti più grossi che lasciano penetrare l’acqua in profondità nel sottosuolo. È quindi arida e poco adatta alle coltivazioni. La bassa pianura, vicina al fiume, è formata da depositi alluvionali più fini; il terreno è compatto e trattiene l’acqua, quindi è molto umido e perciò più facile da coltivare. Quando l’acqua che scorre nel sottosuolo incontra terreni impermeabili non può proseguire: riaffiora in superficie formando la lunga fascia delle risorgive, o fontanili, che si trova tra l’alta e la bassa pianura. Questa acqua, tiepida anche d’inverno, permette di irrigare i campi evitando che si formi il ghiaccio. COMPRENDO ED ESPONGO Cerca le risposte nel testo e rispondi a voce; poi descrivi la Pianura Padana in un unico discorso, senza consultare il testo. • Com’è suddivisa la Pianura Padana? • Perché nell’alta pianura le coltivazioni sono scarse mentre nella bassa pianura sono molto diffuse? • Come si formano le risorgive? Concetti CHIAVE La Pianura Padana è molto estesa ed è ricca di corsi d’acqua. È attraversata da numerose vie di comunicazione e vi sorgono molti centri abitati. È divisa in alta e bassa pianura, separate dalla fascia delle risorgive, sorgenti di acqua tiepida che favoriscono lo sviluppo dell’agricoltura.

La Pianura Padana

- Quali sono le caratteristiche della Pianura Padana?
- Quali vantaggi offre all’agricoltura?

La Pianura Padana è la più vasta pianura d’Italia. È una pianura alluvionale che si è formata con i detriti portati dal Po e da altri fiumi che scendono dalle Alpi e dagli Appennini. I fiumi hanno depositato a valle prima i detriti più pesanti, poi quelli più piccoli. La Pianura Padana è formata da tre zone con caratteristiche differenti: l’alta pianura, la fascia delle risorgive e la bassa pianura.


L’alta pianura si estende ai piedi delle montagne e non supera i 200 metri sul livello del mare. È formata dal deposito dei detriti più grossi che lasciano penetrare l’acqua in profondità nel sottosuolo. È quindi arida e poco adatta alle coltivazioni.

La bassa pianura, vicina al fiume, è formata da depositi alluvionali più fini; il terreno è compatto e trattiene l’acqua, quindi è molto umido e perciò più facile da coltivare.

Quando l’acqua che scorre nel sottosuolo incontra terreni impermeabili non può proseguire: riaffiora in superficie formando la lunga fascia delle risorgive, o fontanili, che si trova tra l’alta e la bassa pianura. Questa acqua, tiepida anche d’inverno, permette di irrigare i campi evitando che si formi il ghiaccio.