I laghi italiani

I laghi italiani - Perché, come si vede sulle carte, i laghi italiani hanno forme molto diverse? - Sono importanti i laghi per la vita dell’uomo? L’Italia è ricca di laghi, grandi e piccoli, di origini diverse. La maggior parte dei laghi si trova nell’Italia settentrionale. In alta montagna ci sono tanti piccoli laghi alpini, alimentati dai ghiacciai e dallo scioglimento delle nevi. Più in basso, tra le Prealpi e la Pianura Padana, si trovano i laghi glaciali: hanno una forma allungata, perché occupano le conche scavate da antichi ghiacciai, e sono alimentati dai fiumi alpini. Sono i laghi più grandi d’Italia: il più esteso è il Lago di Garda, seguito dal Lago Maggiore, dal Lago di Como o Lario e da quello d’Iseo. Nell’Italia centrale si trovano molti laghi vulcanici, che occupano i crateri di vulcani spenti e hanno forma circolare, come i laghi di Vico, Bracciano, Bolsena, Albano e Nemi. Il più grande lago dell’Italia centrale, il Trasimeno, ha però origine tettonica, perché si è formato per un abbassamento del terreno. Lungo le coste dell’Italia meridionale si sono formati dei laghi costieri in seguito all’accumularsi di detriti sabbiosi spinti dal vento e dalle onde: sono lunghi e stretti, paralleli alla costa e solo una striscia di sabbia li separa dal mare, come i laghi di Varano e di Lesina. La vita dell’uomo sul lago L’ambiente di lago offre molte risorse e per questo è stato abitato fin dall’antichità. Il clima mite e la disponibilità di acqua dolce favoriscono l’agricoltura, soprattutto attorno ai grandi laghi prealpini dove crescono ulivi, viti e alberi da frutto. Nei laghi vivono pesci d’acqua dolce come lucci, carpe, tinche, trote e pesci persici. Un’attività tradizionale è quindi la pesca, oggi sostituita in parte dall’allevamento di pesci con impianti di acquicoltura. Le sponde dei laghi sono anche mete turistiche per la bellezza del paesaggio, il clima mite e la possibilità di praticare attività sportive come il nuoto, la vela e il windsurf. OSSERVO E COMPLETO Dopo aver osservato la carta dei laghi a pagina 160, scrivi accanto al nome di ogni lago il nome del fiume che lo alimenta (immissario). • Lago di Como ............................................................................................................ • Lago d’Iseo .................................................................................................................. • Lago di Garda ............................................................................................................ COMPRENDO E SPIEGO Sottolinea nel testo le parole chiave che indicano le attività praticate sui laghi. Poi spiega con parole tue perché sono possibili nell’ambiente di lago. Concetti CHIAVE I laghi hanno forme diverse perché hanno origini diverse: i laghi glaciali, che occupano le conche di antichi ghiacciai, hanno una forma allungata; i laghi vulcanici, che occupano i crateri di vulcani spenti, sono rotondi; i laghi costieri sono lunghi e stretti e si sono formati per l’accumulo dei detriti portati dal mare. Il lago offre molte risorse utili alla vita dell’uomo: il clima mite, la disponibilità di acqua dolce, la disponibilità di pesce, le bellezze naturali. In montagna ci sono molti laghi artificiali, creati dagli uomini sbarrando con le dighe il corso dei fiumi. L’acqua è utilizzata per produrre energia elettrica, per alimentare gli acquedotti e per irrigare i campi.

I laghi italiani

- Perché, come si vede sulle carte, i laghi italiani hanno forme molto diverse?
- Sono importanti i laghi per la vita dell’uomo?

L’Italia è ricca di laghi, grandi e piccoli, di origini diverse. La maggior parte dei laghi si trova nell’Italia settentrionale. In alta montagna ci sono tanti piccoli laghi alpini, alimentati dai ghiacciai e dallo scioglimento delle nevi. Più in basso, tra le Prealpi e la Pianura Padana, si trovano i laghi glaciali: hanno una forma allungata, perché occupano le conche scavate da antichi ghiacciai, e sono alimentati dai fiumi alpini. Sono i laghi più grandi d’Italia: il più esteso è il Lago di Garda, seguito dal Lago Maggiore, dal Lago di Como o Lario e da quello d’Iseo. Nell’Italia centrale si trovano molti laghi vulcanici, che occupano i crateri di vulcani spenti e hanno forma circolare, come i laghi di Vico, Bracciano, Bolsena, Albano e Nemi. Il più grande lago dell’Italia centrale, il Trasimeno, ha però origine tettonica, perché si è formato per un abbassamento del terreno. Lungo le coste dell’Italia meridionale si sono formati dei laghi costieri in seguito all’accumularsi di detriti sabbiosi spinti dal vento e dalle onde: sono lunghi e stretti, paralleli alla costa e solo una striscia di sabbia li separa dal mare, come i laghi di Varano e di Lesina.


La vita dell’uomo sul lago

L’ambiente di lago offre molte risorse e per questo è stato abitato fin dall’antichità. Il clima mite e la disponibilità di acqua dolce favoriscono l’agricoltura, soprattutto attorno ai grandi laghi prealpini dove crescono ulivi, viti e alberi da frutto. Nei laghi vivono pesci d’acqua dolce come lucci, carpe, tinche, trote e pesci persici. Un’attività tradizionale è quindi la pesca, oggi sostituita in parte dall’allevamento di pesci con impianti di acquicoltura. Le sponde dei laghi sono anche mete turistiche per la bellezza del paesaggio, il clima mite e la possibilità di praticare attività sportive come il nuoto, la vela e il windsurf.

OSSERVO E COMPLETO

Dopo aver osservato la carta dei laghi a pagina 160, scrivi accanto al nome di ogni lago il nome del fiume che lo alimenta (immissario).
• Lago di Como ............................................................................................................
• Lago d’Iseo ..................................................................................................................
• Lago di Garda ............................................................................................................

COMPRENDO E SPIEGO

Sottolinea nel testo le parole chiave che indicano le attività praticate sui laghi. Poi spiega con parole tue perché sono possibili nell’ambiente di lago.


Concetti CHIAVE

I laghi hanno forme diverse perché hanno origini diverse: i laghi glaciali, che occupano le conche di antichi ghiacciai, hanno una forma allungata; i laghi vulcanici, che occupano i crateri di vulcani spenti, sono rotondi; i laghi costieri sono lunghi e stretti e si sono formati per l’accumulo dei detriti portati dal mare.

Il lago offre molte risorse utili alla vita dell’uomo: il clima mite, la disponibilità di acqua dolce, la disponibilità di pesce, le bellezze naturali.