FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

Le leggi scritte nelle FONTI Questa pietra nera alta più di due metri fu ritrovata circa 100 anni fa; ora si trova al Museo del Louvre di Parigi.Si chiama stele di Hammurabi ed è un documento importantissimo perché contiene le prime leggi scritte della storia!Osserva bene le immagini, leggi il testo e scrivi le seguenti didascalie nei cartellini:Shamash • Hammurabi • simboli della giustizia • codiceOsserva il bassorilievo nella parte superiore.Il personaggio seduto è Shamash, il dio del sole e della giustizia; ha in mano un cerchio e un bastone, simboli della giustizia.Il personaggio in piedi è il re Hammurabi che riceve dal dio le leggi.Questa immagine significa che le leggi sono stabilite secondo il volere degli dèi.Il testo in caratteri cuneiformi scritto sulla colonna è un codice, cioè una raccolta di leggi.È formato da 282 articoli che indicano le regole di comportamento e le pene per chi non le rispetta: esse riguardano la famiglia, il commercio, le proprietà, i danni alle persone.Anche prima di Hammurabi esistevano delle regole di comportamento: esse però non erano scritte, ma venivano trasmesse a voce.In una piccola città-stato era più facile controllare che fossero rispettate.Ma Hammurabi regnava su un grande impero e voleva essere sicuro che, anche nei luoghi più lontani, tutti seguissero le sue leggi. Ecco perché ebbe l’idea di farle incidere su questa pietra che venne esposta nel centro di Babilonia. Altre pietre simili vennero esposte anche nelle principali città dell’impero: così le leggi divennero uguali per tutti!

Le leggi scritte nelle FONTI

Questa pietra nera alta più di due metri fu ritrovata circa 100 anni fa; ora si trova al Museo del Louvre di Parigi.
Si chiama stele di Hammurabi ed è un documento importantissimo perché contiene le prime leggi scritte della storia!

Osserva bene le immagini, leggi il testo e scrivi le seguenti didascalie nei cartellini:
Shamash • Hammurabi • simboli della giustizia • codice
Osserva il bassorilievo nella parte superiore.
Il personaggio seduto è Shamash, il dio del sole e della giustizia; ha in mano un cerchio e un bastone, simboli della giustizia.
Il personaggio in piedi è il re Hammurabi che riceve dal dio le leggi.
Questa immagine significa che le leggi sono stabilite secondo il volere degli dèi.

Il testo in caratteri cuneiformi scritto sulla colonna è un codice, cioè una raccolta di leggi.
È formato da 282 articoli che indicano le regole di comportamento e le pene per chi non le rispetta: esse riguardano la famiglia, il commercio, le proprietà, i danni alle persone.

Anche prima di Hammurabi esistevano delle regole di comportamento: esse però non erano scritte, ma venivano trasmesse a voce.
In una piccola città-stato era più facile controllare che fossero rispettate.
Ma Hammurabi regnava su un grande impero e voleva essere sicuro che, anche nei luoghi più lontani, tutti seguissero le sue leggi. Ecco perché ebbe l’idea di farle incidere su questa pietra che venne esposta nel centro di Babilonia. Altre pietre simili vennero esposte anche nelle principali città dell’impero: così le leggi divennero uguali per tutti!