FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

Piante semplici e piante complesse - Come si classificano le piante? - Le piante si riproducono tutte allo stesso modo? Le piante, in base al modo di riprodursi, si classificano in piante semplici e piante complesse. Le piante semplici si riproducono per mezzo di spore, cellule specializzate nella riproduzione. Le piante complesse si riproducono per mezzo dei semi. Le piante semplici Le alghe sono piante semplicissime che non hanno parti distinte (radici, fusto e foglie) e vivono completamente immerse nell’acqua. Comprendono alghe verdi, brune e rosse, disposte nell’acqua a vari livelli di profondità. Le alghe sono fornite di clorofilla, quindi sono in grado di compiere la fotosintesi. L’ossigeno che rilasciano nell’acqua è utilizzato dai viventi acquatici per la respirazione. I muschi crescono in ambienti umidi, tra le spaccature delle rocce, sui muri e sulla corteccia degli alberi. Vivono in gruppi composti da migliaia di piantine, che formano una specie di morbido tessuto. A differenza delle alghe, i muschi hanno l’aspetto di piantine in miniatura e sono costituiti da piccolissimi filamenti con cui si aggrappano al terreno, da un fusticino esile, a cui sono attaccate le spore, e da foglie piccolissime. Le parti che li compongono, però, non hanno compiti differenziati. Le felci sono state le prime piante a essere fornite di radici, con cui assorbire il nutrimento dal terreno, di un fusto resistente e di larghe foglie per compiere la fotosintesi. Vivono soprattutto nei boschi. Le alghe, i muschi e le felci non hanno fiori né semi. Per riprodursi spargono sul terreno le spore. Dalle spore nascono nuove piantine. COMPRENDO E COLLEGO Osserva le immagini e rileggi la descrizione delle piante semplici. Scrivi sotto ciascuna fotografia di quale pianta si tratta: muschio, felce o alga? Le piante complesse Nelle piante complesse si distinguono chiaramente radici, fusto e foglie. Si dividono in angiosperme e gimnosperme. Le angiosperme hanno frutti che proteggono i semi e sono le più diffuse sulla Terra. Le gimnosperme hanno fiori poco appariscenti e i semi non sono contenuti nei frutti: per esempio nelle conifere i semi sono racchiusi nei coni femminili (pigne). Cellulosa e legno Se tocchi un filo d’erba ti accorgi che, anche se è sottile, è elastico e resistente. Sai che cosa tiene insieme e compatte le sue cellule? È la cellulosa, un’altra importante sostanza prodotta dalla pianta. Noi non riusciamo a digerirla (invece gli erbivori sì!) ma ci è utile lo stesso perché con essa fabbrichiamo la carta, la celluloide (un materiale plastico), vernici e fibre per tessuti. ANALIZZO ED ESPONGO Utilizza lo schema per esporre ciò che hai imparato finora sulle piante. Le parole delle SCIENZE Conifera significa «portatrice di coni». Sono conifere, per esempio, il pino, l’abete, il larice e il cipresso. Concetti CHIAVE - Le piante si classificano in semplici (alghe, muschi e felci) e complesse (angiosperme, con fiori e frutti, e gimnosperme, senza frutti). - Le piante semplici si riproducono per mezzo delle spore, le piante complesse per mezzo dei semi.

Piante semplici e piante complesse

- Come si classificano le piante?
- Le piante si riproducono tutte allo stesso modo?

Le piante, in base al modo di riprodursi, si classificano in piante semplici e piante complesse.
Le piante semplici si riproducono per mezzo di spore, cellule specializzate nella riproduzione.
Le piante complesse si riproducono per mezzo dei semi.

Le piante semplici

Le alghe sono piante semplicissime che non hanno parti distinte (radici, fusto e foglie) e vivono completamente immerse nell’acqua. Comprendono alghe verdi, brune e rosse, disposte nell’acqua a vari livelli di profondità.
Le alghe sono fornite di clorofilla, quindi sono in grado di compiere la fotosintesi. L’ossigeno che rilasciano nell’acqua è utilizzato dai viventi acquatici per la respirazione.

I muschi crescono in ambienti umidi, tra le spaccature delle rocce, sui muri e sulla corteccia degli alberi.
Vivono in gruppi composti da migliaia di piantine, che formano una specie di morbido tessuto. A differenza delle alghe, i muschi hanno l’aspetto di piantine in miniatura e sono costituiti da piccolissimi filamenti con cui si aggrappano al terreno, da un fusticino esile, a cui sono attaccate le spore, e da foglie piccolissime. Le parti che li compongono, però, non hanno compiti differenziati.

Le felci sono state le prime piante a essere fornite di radici, con cui assorbire il nutrimento dal terreno, di un fusto resistente e di larghe foglie per compiere la fotosintesi. Vivono soprattutto nei boschi.
Le alghe, i muschi e le felci non hanno fiori né semi.
Per riprodursi spargono sul terreno le spore. Dalle spore nascono nuove piantine.

COMPRENDO E COLLEGO

Osserva le immagini e rileggi la descrizione delle piante semplici. Scrivi sotto ciascuna fotografia di quale pianta si tratta: muschio, felce o alga?


Le piante complesse

Nelle piante complesse si distinguono chiaramente radici, fusto e foglie. Si dividono in angiosperme e gimnosperme.
Le angiosperme hanno frutti che proteggono i semi e sono le più diffuse sulla Terra.


Le gimnosperme hanno fiori poco appariscenti e i semi non sono contenuti nei frutti: per esempio nelle conifere i semi sono racchiusi nei coni femminili (pigne).

Cellulosa e legno

Se tocchi un filo d’erba ti accorgi che, anche se è sottile, è elastico e resistente. Sai che cosa tiene insieme e compatte le sue cellule?
È la cellulosa, un’altra importante sostanza prodotta dalla pianta. Noi non riusciamo a digerirla (invece gli erbivori sì!) ma ci è utile lo stesso perché con essa fabbrichiamo la carta, la celluloide (un materiale plastico), vernici e fibre per tessuti.

ANALIZZO ED ESPONGO

Utilizza lo schema per esporre ciò che hai imparato finora sulle piante.