FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

TECNOLOGIA Le piramidi Le piramidi erano le grandiose tombe dei faraoni: la mummia vi era portata di notte in gran segreto e deposta nella camera mortuaria, che poi veniva sigillata. Così si sono conservati e sono giunti fino a noi molti degli immensi tesori custoditi nelle piramidi. Diversamente dalla Mesopotamia, nel territorio dell’Egitto era possibile estrarre materiali da costruzione resistenti, come granito, porfido, alabastro. Con essi, gli Egizi realizzarono monumenti in pietra di dimensioni gigantesche che potessero durare nel tempo. I templi monumentali ornati di enormi statue, le piramidi, le tombe scavate nella roccia sono una testimonianza delle conoscenze matematiche e delle capacità tecniche degli architetti e dei costruttori egizi. Come si costruiva una piramide 1 I grandi blocchi di pietra erano modellati nelle cave e trasportati sul fiume con barche speciali. 2 Dalla riva gli operai trascinavano i blocchi pesantissimi con delle funi su rulli di legno, fino al luogo della costruzione. 3 Qui si costruivano delle rampe di terra battuta, lungo le quali venivano trascinati i blocchi di pietra. 4 I blocchi erano poi posizionati con l’aiuto di leve. Quali mezzi usavano gli operai per spostare o sollevare pesi enormi? Cerca nel testo le soluzioni e sottolineale con questi colori.Per portare i blocchi di pietra dal fiume al luogo della costruzione.Per portare in alto i blocchi.Per posizionare i blocchi. Le piramidi più famose sono quelle di Giza. Le tre più grandi sono le tombe dei faraoni Cheope, Chefren e Micerino. La sfinge era un animale mitico con il corpo di leone e la testa umana e simboleggiava il potere reale. Una grande sfinge si innalza vicino alle piramidi di Giza. Un tipico monumento egizio sono gli obelischi, posti solitamente in coppia davanti ai templi. Sono pilastri altissimi costituiti da un unico blocco di pietra, ricoperti di incisioni in geroglifico che celebrano le imprese dei faraoni.

TECNOLOGIA

Le piramidi

Le piramidi erano le grandiose tombe dei faraoni: la mummia vi era portata di notte in gran segreto e deposta nella camera mortuaria, che poi veniva sigillata.
Così si sono conservati e sono giunti fino a noi molti degli immensi tesori custoditi nelle piramidi.
Diversamente dalla Mesopotamia, nel territorio dell’Egitto era possibile estrarre materiali da costruzione resistenti, come granito, porfido, alabastro. Con essi, gli Egizi realizzarono monumenti in pietra di dimensioni gigantesche che potessero durare nel tempo.

I templi monumentali ornati di enormi statue, le piramidi, le tombe scavate nella roccia sono una testimonianza delle conoscenze matematiche e delle capacità tecniche degli architetti e dei costruttori egizi.

Come si costruiva una piramide

1 I grandi blocchi di pietra erano modellati nelle cave e trasportati sul fiume con barche speciali.
2 Dalla riva gli operai trascinavano i blocchi pesantissimi con delle funi su rulli di legno, fino al luogo della costruzione.
3 Qui si costruivano delle rampe di terra battuta, lungo le quali venivano trascinati i blocchi di pietra.
4 I blocchi erano poi posizionati con l’aiuto di leve.



Quali mezzi usavano gli operai per spostare o sollevare pesi enormi? Cerca nel testo le soluzioni e sottolineale con questi colori.
Per portare i blocchi di pietra dal fiume al luogo della costruzione.
Per portare in alto i blocchi.
Per posizionare i blocchi.