FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

La scoperta di una città: Mohenjo-Dãro- Perché è importante la scoperta di Mohenjo-Dãro?- Come erano fatte la città? Gli scavi archeologici che hanno portato alla luce i resti di Mohenjo-Dãro hanno permesso di rivelare alcuni aspetti della civiltà dell’Indo.Ogni città, probabilmente governata da un re-sacerdote, era divisa in due zone. La città alta o cittadella, circondata da mura, ospitava i templi, la piscina sacra per i riti di purificazione, il palazzo del re e i granai. Ai suoi piedi si estendeva la città bassa, abitata dal popolo. Le case, addossate le une alle altre, erano costruite con mattoni cotti ed erano a più piani. Quelle dei più ricchi avevano un cortile interno, con un pozzo per la raccolta delle acque piovane, una cucina e un bagno, con condutture che scaricavano le acque sporche nel sistema fognario: una vera rarità per quei tempi! La città era attraversata da strade più importanti e strade secondarie che conducevano alle abitazioni. Statua in terracotta che rappresenta un re-sacerdote. OSSERVO E COMPRENDO Cerca nell’immagine la piscina sacra, le mura e le case del popolo.Che cosa poteva essere l’edificio al centro della città alta? Concetti CHIAVE La scoperta della città di Mohenjo-Dãro ha permesso di conoscere alcuni aspetti della civiltà dell’Indo.Le città erano divise in due zone: la parte alta, che ospitava i templi, la piscina sacra e il palazzo del re, e la parte bassa, con le abitazioni. Le città erano dotate di un sistema fognario.

La scoperta di una città: Mohenjo-Dãro

- Perché è importante la scoperta di Mohenjo-Dãro?
- Come erano fatte la città?

Gli scavi archeologici che hanno portato alla luce i resti di Mohenjo-Dãro hanno permesso di rivelare alcuni aspetti della civiltà dell’Indo.
Ogni città, probabilmente governata da un re-sacerdote, era divisa in due zone. La città alta o cittadella, circondata da mura, ospitava i templi, la piscina sacra per i riti di purificazione, il palazzo del re e i granai. Ai suoi piedi si estendeva la città bassa, abitata dal popolo. Le case, addossate le une alle altre, erano costruite con mattoni cotti ed erano a più piani. Quelle dei più ricchi avevano un cortile interno, con un pozzo per la raccolta delle acque piovane, una cucina e un bagno, con condutture che scaricavano le acque sporche nel sistema fognario: una vera rarità per quei tempi! La città era attraversata da strade più importanti e strade secondarie che conducevano alle abitazioni.