FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4

QUADERNO pagina 20 LA CIVILT EGIZIA La vita nell aldilà Gli Egizi credevano che l anima fosse immortale e che, dopo la morte, il defunto avrebbe affrontato un grande viaggio per rinascere a una nuova vita, simile a quella terrena, nel Regno dei Morti. I riti per accompagnare i defunti in questo viaggio erano molto importanti. Per entrare nel Regno dei Morti, il regno del dio Osiride, il corpo doveva mantenersi intatto: per questo gli Egizi praticavano l imbalsamazione. Alla presenza di un sacerdote che indossava la maschera del dio Anubi il corpo veniva lavato, svuotato dei visceri, impregnato di sostanze profumate e quindi avvolto in bende di lino. Se il defunto era un nobile o un faraone, il sacerdote gli deponeva sul viso la maschera funebre, fatta di legno e ricoperta d oro, lapislazzuli e altri materiali preziosi. La mummia così ottenuta veniva chiusa in un sarcofago, una cassa di legno con dipinto il volto del defunto, e portata nel luogo di sepoltura. Nella tomba accanto alla mummia venivano posti amuleti, cibo e oggetti che potevano servire al defunto nel suo viaggio nell oltretomba. Le pa role della S T O R I A Gli amuleti sono piccoli oggetti portafortuna. I termini oltretomba e aldilà indicano ciò che si trova dopo la morte. Sarcofago in legno dipinto. Ricostruzione di una fase dell imbalsamazione. Concetti C H I AVE CO M PR E N DO E S P I E G O Rispondi prima consultando il testo, poi senza guardarlo. P erché gli Egizi imbalsamavano il corpo dei defunti? Q uali erano le fasi dell imbalsamazione? ove veniva posta la mummia? D he cosa veniva messo accanto alla mummia? Perché? C Gli Egizi adoravano molti dèi e credevano nella vita dopo la morte. I corpi imbalsamati venivano messi nei sarcofagi con il corredo funebre, cioè gli oggetti che dovevano servire nel Regno dei Morti. STORIA 49
FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 4