FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE QUADERNO OPERATIVO SCIENZE E MATEMATICA 4

QUADERNO OPERATIVO I funghi si nutrono Poiché sono privi di clorofilla, i funghi non possono compiere la fotosintesi clorofilliana, che assicura il nutrimento alle piante. Sono quindi organismi eterotrofi, cioè si nutrono di sostanze elaborate da altri esseri viventi.In genere vivono su residui animali o vegetali che si trovano nella terra, nell’acqua o sul legno e vengono definiti saprofiti. Insieme ai batteri decompongono le foglie, le piante e i resti di animali morti. Liberano così anidride carbonica e altri composti del carbonio arricchendo il terreno. Con questo processo evitano anche che il suolo di boschi e foreste venga soffocato, nel tempo, dall’accumulo di detriti organici.Altri funghi, invece, sono parassiti: penetrano in animali e vegetali e, per sopravvivere, li danneggiano.Molti, infine, sono simbionti: vivono in stretta relazione con altri organismi, in modo tale che entrambi ne traggano un vantaggio. Per esempio, ci sono funghi che effettuano scambi di sostanze utili con la pianta che li ospita.adatt. da R. Caporali, Il mondo vivente. Vita, funzioni, piante, animali, corpo umano, Giunti Editore1 I funghi sono organismi eterotrofi perché:A. non usano la loro clorofilla.B. hanno bisogno di trarre nutrimento da altri esseri viventi.C. instaurano relazioni con altri viventi.D. danneggiano altri viventi.2 Il processo di decomposizione a opera dei funghi:A. arricchisce il terreno di sostanze preziose.B. aiuta l’accumulo di resti di piante e animali morti sul terreno.C. si serve del processo di fotosintesi.D. produce ossigeno.3 Nel parassitismo un fungo (righe 13 e 14):A. convive con un altro essere vivente senza danneggiarlo.B. decompone resti di animali morti.C. dona sostanze nutritive al vivente che lo ospita.D. danneggia il vivente a cui si attacca.4 I funghi che vivono in relazione con altri organismi per trarne vantaggio reciproco sono definiti:A. saprofiti.B. parassiti.C. simbionti.D. eterotrofi.

QUADERNO OPERATIVO

I funghi si nutrono

Poiché sono privi di clorofilla, i funghi non possono compiere la fotosintesi clorofilliana, che assicura il nutrimento alle piante. Sono quindi organismi eterotrofi, cioè si nutrono di sostanze elaborate da altri esseri viventi.
In genere vivono su residui animali o vegetali che si trovano nella terra, nell’acqua o sul legno e vengono definiti saprofiti. Insieme ai batteri decompongono le foglie, le piante e i resti di animali morti. Liberano così anidride carbonica e altri composti del carbonio arricchendo il terreno. Con questo processo evitano anche che il suolo di boschi e foreste venga soffocato, nel tempo, dall’accumulo di detriti organici.
Altri funghi, invece, sono parassiti: penetrano in animali e vegetali e, per sopravvivere, li danneggiano.
Molti, infine, sono simbionti: vivono in stretta relazione con altri organismi, in modo tale che entrambi ne traggano un vantaggio. Per esempio, ci sono funghi che effettuano scambi di sostanze utili con la pianta che li ospita.
adatt. da R. Caporali, Il mondo vivente. Vita, funzioni, piante, animali, corpo umano, Giunti Editore

1 I funghi sono organismi eterotrofi perché:
A. non usano la loro clorofilla.
B. hanno bisogno di trarre nutrimento da altri esseri viventi.
C. instaurano relazioni con altri viventi.
D. danneggiano altri viventi.

2 Il processo di decomposizione a opera dei funghi:
A. arricchisce il terreno di sostanze preziose.
B. aiuta l’accumulo di resti di piante e animali morti sul terreno.
C. si serve del processo di fotosintesi.
D. produce ossigeno.

3 Nel parassitismo un fungo (righe 13 e 14):
A. convive con un altro essere vivente senza danneggiarlo.
B. decompone resti di animali morti.
C. dona sostanze nutritive al vivente che lo ospita.
D. danneggia il vivente a cui si attacca.

4 I funghi che vivono in relazione con altri organismi per trarne vantaggio reciproco sono definiti:
A. saprofiti.
B. parassiti.
C. simbionti.
D. eterotrofi.