FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE QUADERNO OPERATIVO STORIA E GEOGRAFIA 4

QUADERNO OPERATIVO Guerrieri micenei Questo vaso in terracotta dipinta è alto circa 40 centimetri e serviva per mescolare l’acqua con il vino durante i banchetti. È chiamato «vaso dei guerrieri» perché la decorazione raffigura soldati in fila equipaggiati per il combattimento. L’arte micenea infatti serviva soprattutto per celebrare le grandi battaglie degli Achei. Vaso dei guerrieri, 1200 a.C. circa, Museo Archeologico Nazionale di Atene. 2 Osserva da vicino uno di questi guerrieri, chiamati «opliti» dal greco òplon, che significa «scudo». Collega ogni didascalia alla parte corrispondente. Portavano infilato al braccio sinistro un grande scudo in cuoio o in legno e bronzo. Nella mano destra impugnavano una lancia, lunga circa 2 metri e mezzo, con due punte affilate in ferro. Indossavano una corta corazza fatta di piastre in bronzo, cuoio e tessuto. La testa era protetta da un elmo. Due gambali in lamina di bronzo proteggevano le gambe dal ginocchio alla caviglia.

QUADERNO OPERATIVO

Guerrieri micenei

Questo vaso in terracotta dipinta è alto circa 40 centimetri e serviva per mescolare l’acqua con il vino durante i banchetti.
È chiamato «vaso dei guerrieri» perché la decorazione raffigura soldati in fila equipaggiati per il combattimento.
L’arte micenea infatti serviva soprattutto per celebrare le grandi battaglie degli Achei.

2 Osserva da vicino uno di questi guerrieri, chiamati «opliti» dal greco òplon, che significa «scudo». Collega ogni didascalia alla parte corrispondente.

Portavano infilato al braccio sinistro un grande scudo in cuoio o in legno e bronzo.

Nella mano destra impugnavano una lancia, lunga circa 2 metri e mezzo, con due punte affilate in ferro.

Indossavano una corta corazza fatta di piastre in bronzo, cuoio e tessuto.

La testa era protetta da un elmo.

Due gambali in lamina di bronzo proteggevano le gambe dal ginocchio alla caviglia.