FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE QUADERNO OPERATIVO STORIA E GEOGRAFIA 4

VERSO L’INVALSI • QUADERNO OPERATIVO Tra pietre e gioielli Al centro del Peloponneso si trovano le rovine di un’antica città-fortezza, Micene. Le pietre con cui fu costruita sono tanto grandi da sembrare opera di giganti, i Ciclopi, da cui deriva l’aggettivo ciclopico, che sta per enorme o superiore alle possibilità umane. Perché gli abitanti di Micene costruirono mura così gigantesche? Certamente per difesa; in secondo luogo perché i Micenei erano guerrieri e volevano dimostrarlo con ogni mezzo visivo, in primo luogo con l’architettura. I re-combattenti vivevano nei palazzi fortificati. Alla loro morte venivano seppelliti nelle tombe a tumulo, ricoperti di gioielli e con maschere funerarie d’oro puro, che ricalcavano i tratti dei loro volti. Le tombe monumentali a tumulo servivano anche come forzieri della comunità, dove venivano custoditi i preziosi bottini di guerra e l’oro dei re. Questi monumenti sepolcrali erano costruzioni circolari, formate da blocchi di pietra gradualmente sporgenti fino a formare una cupola conica (thòlos), che era poi ricoperta da terriccio. rid. da M. C. Prette, A. De Giorgis, Leggere l’arte, Giunti 1 Perché le mura di Micene s ono dette «ciclopiche» (riga 4)? A. Perché le costruirono i Ciclopi. B. Perché «ciclopiche» significa enorme. C. Perché gli uomini non avevano possibilità di costruirle. D. Perché erano in onore dei Ciclopi. 2 Perché i Micenei costruirono mura gigantesche (righe 7 e 8)? A. Per venerare gli dèi. B. Per difendersi e dimostrare la loro forza. C. Per riparare i tesori reali. D. Per decorare la città. 3 Le tombe a tumulo erano: A. a pianta circolare e con una cupola a cono. B. ricoperte d’oro. C. formate da blocchi di terriccio gradualmente sporgenti. D. a pianta quadrata. 4 Dal testo si capisce che i Micenei: A. conoscevano l’arte di lavorare l’oro. B. erano abili costruttori e bravi artigiani dei gioielli. C. non condividevano i bottini di guerra. D. erano grandi navigatori.

VERSO L’INVALSI • QUADERNO OPERATIVO

Tra pietre e gioielli

Al centro del Peloponneso si trovano le rovine di un’antica città-fortezza, Micene. Le pietre con cui fu costruita sono tanto grandi da sembrare opera di giganti, i Ciclopi, da cui deriva l’aggettivo ciclopico, che sta per enorme o superiore alle possibilità umane. Perché gli abitanti di Micene costruirono mura così gigantesche?
Certamente per difesa; in secondo luogo perché i Micenei erano guerrieri e volevano dimostrarlo con ogni mezzo visivo, in primo luogo con l’architettura. I re-combattenti vivevano nei palazzi fortificati. Alla loro morte venivano seppelliti nelle tombe a tumulo, ricoperti di gioielli e con maschere funerarie d’oro puro, che ricalcavano i tratti dei loro volti. Le tombe monumentali a tumulo servivano anche come forzieri della comunità, dove venivano custoditi i preziosi bottini di guerra e l’oro dei re. Questi monumenti sepolcrali erano costruzioni circolari, formate da blocchi di pietra gradualmente sporgenti fino a formare una cupola conica (thòlos), che era poi ricoperta da terriccio.
rid. da M. C. Prette, A. De Giorgis, Leggere l’arte, Giunti

1 Perché le mura di Micene s ono dette «ciclopiche» (riga 4)?
A. Perché le costruirono i Ciclopi.
B. Perché «ciclopiche» significa enorme.
C. Perché gli uomini non avevano possibilità di costruirle.
D. Perché erano in onore dei Ciclopi.

2 Perché i Micenei costruirono mura gigantesche (righe 7 e 8)?
A. Per venerare gli dèi.
B. Per difendersi e dimostrare la loro forza.
C. Per riparare i tesori reali.
D. Per decorare la città.

3 Le tombe a tumulo erano:
A. a pianta circolare e con una cupola a cono.
B. ricoperte d’oro.
C. formate da blocchi di terriccio gradualmente sporgenti.
D. a pianta quadrata.

4 Dal testo si capisce che i Micenei:
A. conoscevano l’arte di lavorare l’oro.
B. erano abili costruttori e bravi artigiani dei gioielli.
C. non condividevano i bottini di guerra.
D. erano grandi navigatori.