FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE QUADERNO OPERATIVO STORIA E GEOGRAFIA 4

VERSO L’INVALSI • QUADERNO OPERATIVO Il Parco Nazionale d’Abruzzo Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ha quasi cento anni di vita e svolge un ruolo importante per la conservazione della natura e la difesa dell’ambiente appenninico. Le montagne del Parco, in alcune zone, sono composte da rocce impermeabili, che costringono l’acqua a scorrere in superficie dando origine a laghi e a cascate. Una fitta rete di sentieri permette di raggiungere antichi centri storici: nel Parco non troviamo solo la natura, ma anche borghi che hanno conservato molte delle loro tradizioni. Nel Parco ci sono diversi Centri visita dedicati all’educazione ambientale: qui si possono trovare piccoli musei, giardini botanici e aree faunistiche, cioè luoghi recintati dove gli animali vivono in semilibertà. La fauna è costituita da orsi bruni marsicani, cervi, caprioli, camosci, lupi, cinghiali, aquile e gufi reali, picchi, aironi cinerini. L’orso marsicano è il simbolo del Parco. Per due terzi della sua superficie il Parco è ricoperto da faggi; il resto della vegetazione è costituito da aceri montani, pini neri, tassi, betulle, pini mughi. 1 Questo testo NON parla: A. di un Parco nazionale italiano nelle Alpi. B. del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. C. dell’importanza della tutela dell’ambiente appenninico. D. della fauna del Parco d’Abruzzo. 2 I piccoli musei del Parco si trovano: A. in luoghi recintati. B. al centro di borghi storici. C. nei Centri visita. D. nelle aree faunistiche. 3 Nelle aree faunistiche (righe 12 e 13) ci sono: A. animali selvatici tutelati. B. animali allevati per divertire i turisti. C. giardini botanici. D. i Centri visita. 4 L’aggettivo «marsicano» alla riga 16 indica: A. una specie di orso bruno che vive nel Parco. B. il nome che è stato dato all’unico orso bruno vivente, simbolo del Parco. C. ogni pianta o animale del Parco. D. un orso che morsica i turisti.

VERSO L’INVALSI • QUADERNO OPERATIVO

Il Parco Nazionale d’Abruzzo

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ha quasi cento anni di vita e svolge un ruolo importante per la conservazione della natura e la difesa dell’ambiente appenninico. Le montagne del Parco, in alcune zone, sono composte da rocce impermeabili, che costringono l’acqua a scorrere in superficie dando origine a laghi e a cascate. Una fitta rete di sentieri permette di raggiungere antichi centri storici: nel Parco non troviamo solo la natura, ma anche borghi che hanno conservato molte delle loro tradizioni. Nel Parco ci sono diversi Centri visita dedicati all’educazione ambientale: qui si possono trovare piccoli musei, giardini botanici e aree faunistiche, cioè luoghi recintati dove gli animali vivono in semilibertà. La fauna è costituita da orsi bruni marsicani, cervi, caprioli, camosci, lupi, cinghiali, aquile e gufi reali, picchi, aironi cinerini. L’orso marsicano è il simbolo del Parco. Per due terzi della sua superficie il Parco è ricoperto da faggi; il resto della vegetazione è costituito da aceri montani, pini neri, tassi, betulle, pini mughi.


1 Questo testo NON parla:
A. di un Parco nazionale italiano nelle Alpi.
B. del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
C. dell’importanza della tutela dell’ambiente appenninico.
D. della fauna del Parco d’Abruzzo.

2 I piccoli musei del Parco si trovano:
A. in luoghi recintati.
B. al centro di borghi storici.
C. nei Centri visita.
D. nelle aree faunistiche.

3 Nelle aree faunistiche (righe 12 e 13) ci sono:
A. animali selvatici tutelati.
B. animali allevati per divertire i turisti.
C. giardini botanici.
D. i Centri visita.

4 L’aggettivo «marsicano» alla riga 16 indica:
A. una specie di orso bruno che vive nel Parco.
B. il nome che è stato dato all’unico orso bruno vivente, simbolo del Parco.
C. ogni pianta o animale del Parco.
D. un orso che morsica i turisti.