FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 5

Campania LEGGO LA CARTA Osserva la carta, poi rispondi sul quaderno. - Con quali regioni confina la Campania? - Quali caratteristiche presenta il territorio? - Quale vulcano è presente? - Su quale mare si affaccia la regione? - Quali sono i golfi principali? - Quali isole appartengono alla regione? - Quali sono i fiumi principali? - Quali sono le pianure? Dove si trovano? IL CAPOLUOGO Napoli è stata fin dall’antichità una città di grande valore culturale ed economico. Molte testimonianze della sua storia più antica sono custodite nel Museo Archeologico Nazionale, uno dei più importanti del mondo per la ricchezza dei reperti che conserva. TERRITORIO Superficie: 13 670 km2 Popolazione: 5 869 965 abitanti Densità: 429,40 abitanti per km2 Capoluogo e città metropolitana: Napoli Città principali: Avellino, Benevento, Caserta, Salerno. Territorio e clima Il territorio della regione è in gran parte occupato dall’Appennino Campano e, a nord, dai Monti del Matese. Vicino a Napoli sorge il Vesuvio, un vulcano ancora attivo che non erutta, però, da molto tempo (l’ultima eruzione risale al 1944); sulle sue pendici è stato creato un Parco Nazionale per limitare le costruzioni e conservare il patrimonio boschivo. Anche i Campi Flegrei presentano fenomeni di origine vulcanica: è tipico quello delle cosiddette fumarole, piccole fessure nel suolo dalle quali fuoriescono getti ricchi di zolfo. Lungo la costa vi sono alcune aree pianeggianti ricche di fiumi e molto fertili: i Romani chiamavano questa regione Campania felix, per la fertilità del suolo e il clima mite. La pianura più estesa è quella Campana, attraversata dal fiume Volturno, più a sud si trova la Piana del Sele. Le coste, affacciate sul Mar Tirreno, presentano molte insenature e golfi. Sono basse e sabbiose in corrispondenza delle pianure, alte e rocciose dove i rilievi si spingono fino al mare, come avviene nella Costiera Amalfitana, una penisola rocciosa che si addentra nel mare a sud di Napoli. Di fronte al Golfo di Napoli si trovano le isole dell’Arcipelago Campano: Capri, Ischia e Procida. Il clima in pianura e lungo la costa è mite d’inverno e caldo ma ventilato d’estate; è freddo nelle zone montuose. L’isola di Capri fa parte dell’Arcipelago Campano. Il territorio, verso l’interno, è montuoso. Vicino a Napoli si trovano il Vesuvio e i Campi Flegrei. Lungo la costa si trovano aree pianeggianti fertili e ricche d’acqua. Le coste presentano insenature e golfi. Di fronte al Golfo di Napoli c’è l’Arcipelago Campano. Il clima è mite sulla costa, freddo in montagna. NATURA E AMBIENTE Il Parco Nazionale del Cilento si trova a sud della regione e comprende un vasto territorio che è l’habitat di diverse specie vegetali e animali protette. Comprende anche importanti testimonianze storiche e archeologiche come Paestum (nella foto), famosa per i suoi imponenti templi greci. Popolazione e attivitàLa Campania è la regione più densamente abitata d’Italia, soprattutto nella zona di Napoli e lungo la costa. L’agricoltura è moderna e redditizia nelle pianure e nella zona intorno al Vesuvio, molto fertile per la sua origine vulcanica. I prodotti principali sono albicocche, pesche, ciliegie, ortaggi e soprattutto pomodori, tra cui il famoso San Marzano, ottimo per le conserve. Nelle zone collinari prevalgono viti e ulivi, mentre all’interno si coltivano soprattutto patate e cereali. Notevole è la quantità di noci e nocciole raccolte nei vasti boschi. Caratteristico è l’allevamento di bufale, dal cui latte si ricava la rinomata mozzarella. Molto diffuse sono le industrie alimentari che producono pasta, conserve, olio e vino. Attorno a Napoli e Salerno sono concentrate le grandi industrie petrolchimiche, metallurgiche, elettroniche e i cantieri navali. Ad Avellino è sorto un polo industriale per la lavorazione della pelle. Rilevante anche l’attività portuale, in particolare a Napoli, uno dei porti più importanti del Mediterraneo. Prodotti tipici dell’artigianato sono le delicate porcellane di Capodimonte. Una voce importante dell’economia è il turismo, legato alle bellezze naturali e alle testimonianze storiche e artistiche. Il pomodoro San Marzano è una specialità alimentare della Campania. OCCUPAZIONE È la regione con la maggiore densità di popolazione d’Italia. L’agricoltura è sviluppata nelle pianure; è molto varia la produzione di frutta ed è tipica quella di pomodori. Si allevano bufale, con il cui latte si producono mozzarelle. Diffuse le industrie alimentari (pasta, conserve, vino e olio). Napoli è uno dei porti più importanti del Mediterraneo. Il turismo è molto sviluppato. ARTE E CULTURA A Caserta c’è una splendida reggia fatta erigere dal re di Napoli Carlo di Borbone nella seconda metà del Settecento. La reggia, una grandiosa costruzione con 1 200 stanze e 1 742 finestre, è circondata da un grande parco, con fontane e giochi d’acqua. È stata dichiarata dall’UNESCO «Patrimonio dell’Umanità».

Campania

LEGGO LA CARTA

  • Osserva la carta, poi rispondi sul quaderno.
    - Con quali regioni confina la Campania?
    - Quali caratteristiche presenta il territorio?
    - Quale vulcano è presente?
    - Su quale mare si affaccia la regione?
    - Quali sono i golfi principali?
    - Quali isole appartengono alla regione?
    - Quali sono i fiumi principali?
    - Quali sono le pianure? Dove si trovano?

IL CAPOLUOGO

Napoli è stata fin dall’antichità una città di grande valore culturale ed economico. Molte testimonianze della sua storia più antica sono custodite nel Museo Archeologico Nazionale, uno dei più importanti del mondo per la ricchezza dei reperti che conserva.

TERRITORIO

  • Superficie: 13 670 km2 

  • Popolazione: 5 869 965 abitanti 

  • Densità: 429,40 abitanti per km2 

  • Capoluogo e città metropolitana: Napoli

  • Città principali: Avellino, Benevento, Caserta, Salerno.

Territorio e clima

Il territorio della regione è in gran parte occupato dall’Appennino Campano e, a nord, dai Monti del Matese
Vicino a Napoli sorge il Vesuvio, un vulcano ancora attivo che non erutta, però, da molto tempo (l’ultima eruzione risale al 1944); sulle sue pendici è stato creato un Parco Nazionale per limitare le costruzioni e conservare il patrimonio boschivo. Anche i Campi Flegrei presentano fenomeni di origine vulcanica: è tipico quello delle cosiddette fumarole, piccole fessure nel suolo dalle quali fuoriescono getti ricchi di zolfo. Lungo la costa vi sono alcune aree pianeggianti ricche di fiumi e molto fertili: i Romani chiamavano questa regione Campania felix, per la fertilità del suolo e il clima mite. La pianura più estesa è quella Campana, attraversata dal fiume Volturno, più a sud si trova la Piana del Sele
Le coste, affacciate sul Mar Tirreno, presentano molte insenature e golfi. Sono basse e sabbiose in corrispondenza delle pianure, alte e rocciose dove i rilievi si spingono fino al mare, come avviene nella Costiera Amalfitana, una penisola rocciosa che si addentra nel mare a sud di Napoli. Di fronte al Golfo di Napoli si trovano le isole dell’Arcipelago Campano: Capri, Ischia e Procida. 
Il clima in pianura e lungo la costa è mite d’inverno e caldo ma ventilato d’estate; è freddo nelle zone montuose.

NATURA E AMBIENTE

Il Parco Nazionale del Cilento si trova a sud della regione e comprende un vasto territorio che è l’habitat di diverse specie vegetali e animali protette. Comprende anche importanti testimonianze storiche e archeologiche come Paestum (nella foto), famosa per i suoi imponenti templi greci.

Popolazione e attività

La Campania è la regione più densamente abitata d’Italia, soprattutto nella zona di Napoli e lungo la costa. 
L’agricoltura è moderna e redditizia nelle pianure e nella zona intorno al Vesuvio, molto fertile per la sua origine vulcanica. I prodotti principali sono albicocche, pesche, ciliegie, ortaggi e soprattutto pomodori, tra cui il famoso San Marzano, ottimo per le conserve. Nelle zone collinari prevalgono viti e ulivi, mentre all’interno si coltivano soprattutto patate e cereali. Notevole è la quantità di noci e nocciole raccolte nei vasti boschi. 
Caratteristico è l’allevamento di bufale, dal cui latte si ricava la rinomata mozzarella. 
Molto diffuse sono le industrie alimentari che producono pasta, conserve, olio e vino. Attorno a Napoli e Salerno sono concentrate le grandi industrie petrolchimiche, metallurgiche, elettroniche e i cantieri navali. Ad Avellino è sorto un polo industriale per la lavorazione della pelle. 
Rilevante anche l’attività portuale, in particolare a Napoli, uno dei porti più importanti del Mediterraneo. 
Prodotti tipici dell’artigianato sono le delicate porcellane di Capodimonte. 
Una voce importante dell’economia è il turismo, legato alle bellezze naturali e alle testimonianze storiche e artistiche.

ARTE E CULTURA

A Caserta c’è una splendida reggia fatta erigere dal re di Napoli Carlo di Borbone nella seconda metà del Settecento. La reggia, una grandiosa costruzione con 1 200 stanze e 1 742 finestre, è circondata da un grande parco, con fontane e giochi d’acqua. È stata dichiarata dall’UNESCO «Patrimonio dell’Umanità».