FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 5

L'energia del suono Che cosa sono i suoni? Perché li sentiamo? Suoni e rumori sono prodotti da oggetti che vibrano, cioè che oscillano molto velocemente. Il suono, quindi, è un effetto dell’energia cinetica, cioè del movimento. Le onde sonore Un oggetto che vibra fa muovere l’aria attorno a sé e produce delle «onde d’aria» che trasmettono il movimento alle molecole d’aria vicine. Ciò accade anche nei liquidi, come l’acqua, e nei solidi. Quale aspetto hanno le onde sonore? Se getti un sasso nell’acqua, esso solleva un’onda che si propaga in cerchi concentrici. Se tu potessi «tagliare» l’acqua in verticale e guardarla di lato vedresti il profilo delle onde, come nello schema a lato. Il suono si espande allo stesso modo: una vibrazione fa oscillare l’aria e le sue onde si propagano finché arrivano nel tuo orecchio, lo fanno vibrare e tu... avverti il suono! SPERIMENTO E SPIEGO I suoni si possono vedere? Per scoprirlo costruisci un «fonovisore» seguendo le indicazioni dei disegni. 1 Metti il fonovisore vicino a una sorgente di luce intensa, in modo che la stagnola la rifletta su una parete, e tieni l’estremità aperta del barattolo vicino alla bocca. 2Ora emetti qualche suono e osserva come cambia la danza della luce riflessa sul muro. Gioca con suoni diversi: parlando, cantando... Se giochi con gli amici, confrontate l’effetto di fonovisori con la stagnola messa in modi diversi. La velocità del suono Dal momento che le onde sonore si trasmettono da molecola a molecola, nel vuoto il suono non si propaga, a differenza della luce. Per lo stesso motivo, nei materiali rarefatti il suono si propaga più lentamente, mentre nei materiali densi si propaga più rapidamente. VELOCITÀ DEL SUONO NEI MATERIALI Aria 340 metri al secondo Acqua 1 550 metri al secondo Terracotta 3 500 metri al secondo Vetro 4 000 metri al secondo Acciaio 5 000 metri al secondo Le parole delle SCIENZE Rarefatto significa «che ha poche molecole per centimetro cubo». Denso significa «che ha molte molecole per centimetro cubo». Quando parli o canti, l’aria è messa in movimento dalle tue corde vocali: sono membrane che hai in gola (dove passa l’aria che respiri) e che vibrano molto velocemente. SCIENZE e REALTÀ La differenza tra la velocità della luce e quella del suono ci permette di stabilire a che distanza da noi cade un fulmine. Appena ne vedi uno, conta dopo quanti secondi senti il tuono. La luce del fulmine è talmente veloce che arriva all’istante (la luce si propaga a una velocità ineguagliabile: 300 000 chilometri al secondo!), mentre il rombo del tuono viaggia nell’aria a 340 metri al secondo. RIFLETTO E UTILIZZO In coppia con un compagno cerca in queste due pagine le risposte alle seguenti domande. Confrontate le vostre opinioni, poi scrivete le risposte su cui siete d’accordo.- In che modo il suono di un gong arriva all’orecchio di una persona? ... - Perché un subacqueo sente il rumore di un motoscafo prima dell’amico che sta sulla barca? ... Concetti CHIAVE I suoni sono prodotti da oggetti che vibrano, quindi l’energia sonora è una forma di energia cinetica. Un oggetto che vibra fa oscillare l’aria provocando delle onde che si propagano in ogni direzione, fino ad arrivare al nostro orecchio.

L'energia del suono

  • Che cosa sono i suoni?

  • Perché li sentiamo?


Suoni e rumori sono prodotti da oggetti che vibrano, cioè che oscillano molto velocemente. Il suono, quindi, è un effetto dell’energia cinetica, cioè del movimento. 

Le onde sonore

Un oggetto che vibra fa muovere l’aria attorno a sé e produce delle «onde d’aria» che trasmettono il movimento alle molecole d’aria vicine. Ciò accade anche nei liquidi, come l’acqua, e nei solidi. 
Quale aspetto hanno le onde sonore? Se getti un sasso nell’acqua, esso solleva un’onda che si propaga in cerchi concentrici. Se tu potessi «tagliare» l’acqua in verticale e guardarla di lato vedresti il profilo delle onde, come nello schema a lato. 
Il suono si espande allo stesso modo: una vibrazione fa oscillare l’aria e le sue onde si propagano finché arrivano nel tuo orecchio, lo fanno vibrare e tu... avverti il suono!

SPERIMENTO E SPIEGO

  • I suoni si possono vedere?
    Per scoprirlo costruisci un «fonovisore» seguendo le indicazioni dei disegni.

1

Metti il fonovisore vicino a una sorgente di luce intensa, in modo che la stagnola la rifletta su una parete, e tieni l’estremità aperta del barattolo vicino alla bocca.

2Ora emetti qualche suono e osserva come cambia la danza della luce riflessa sul muro. Gioca con suoni diversi: parlando, cantando... Se giochi con gli amici, confrontate l’effetto di fonovisori con la stagnola messa in modi diversi.

La velocità del suono

Dal momento che le onde sonore si trasmettono da molecola a molecola, nel vuoto il suono non si propaga, a differenza della luce. 
Per lo stesso motivo, nei materiali rarefatti il suono si propaga più lentamente, mentre nei materiali densi si propaga più rapidamente.

VELOCITÀ DEL SUONO NEI MATERIALI
Aria 340 metri al secondo
Acqua 1 550 metri al secondo
Terracotta 3 500 metri al secondo
Vetro 4 000 metri al secondo
Acciaio 5 000 metri al secondo

SCIENZE e REALTÀ

La differenza tra la velocità della luce e quella del suono ci permette di stabilire a che distanza da noi cade un fulmine. Appena ne vedi uno, conta dopo quanti secondi senti il tuono. La luce del fulmine è talmente veloce che arriva all’istante (la luce si propaga a una velocità ineguagliabile: 300 000 chilometri al secondo!), mentre il rombo del tuono viaggia nell’aria a 340 metri al secondo.


RIFLETTO E UTILIZZO

  • In coppia con un compagno cerca in queste due pagine le risposte alle seguenti domande. Confrontate le vostre opinioni, poi scrivete le risposte su cui siete d’accordo.
    - In che modo il suono di un gong arriva all’orecchio di una persona? ...
    - Perché un subacqueo sente il rumore di un motoscafo prima dell’amico che sta sulla barca? ...


Concetti CHIAVE

  • I suoni sono prodotti da oggetti che vibrano, quindi l’energia sonora è una forma di energia cinetica.

  • Un oggetto che vibra fa oscillare l’aria provocando delle onde che si propagano in ogni direzione, fino ad arrivare al nostro orecchio.