FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 5

Dalle origini alla repubblica In quale luogo fu fondata Roma? Quali vantaggi offriva il territorio? Quando fu fondata? Il territorio dell’antico Lazio era in gran parte pianeggiante; infatti la parola Lazio significa «ampio, spazioso». La pianura era attraversata dal fiume Tevere. Tutto intorno c’erano colline e piccoli rilievi. La fertilità del suolo, la mancanza di confini naturali, la vicinanza al mare e la presenza di acqua dolce rendevano questo territorio molto favorevole all’agricoltura e al commercio. Per difendersi dalle inondazioni del fiume e dai nemici, alcune popolazioni si stabilirono sui colli in prossimità del Tevere e fondarono numerosi villaggi. 753 a.C. Fondazione di Roma, inizia la monarchia 509 a.C. Inizia la repubblica 486-367 a.C. Roma conquista l’Italia 264-146 a.C. Guerre puniche. Roma distrugge Cartagine 44 a.C. Morte di Giulio Cesare La fondazione di RomaIl Lazio era abitato da popoli diversi: Latini, Sabini, Sanniti, Marsi e Campani. Queste genti si erano stabilite sui Colli Tiberini e sui Colli Albani, dedicandosi alla coltivazione di cereali, legumi, viti, ulivi e alla pastorizia, soprattutto di pecore e buoi. A nord, oltre il fiume Tevere, cominciava il territorio degli Etruschi; a sud si estendevano le colonie della Magna Grecia. I pastori latini scelsero di stabilirsi sul colle Palatino, che era in una posizione ideale: vicino al Tevere, nel punto in cui un isolotto divideva il fiume in due rami poco profondi. In quel punto vi era un guado (detto rumon) e transitavano le merci da e per le ricche città dell’Etruria e della Magna Grecia. Il Tevere, inoltre, era una via d’acqua naturale per il commercio del sale, prodotto nelle saline alla foce del fiume. Grazie a quei commerci gli abitanti del Palatino divennero ricchi e potenti, il villaggio crebbe, si fuse con quelli dei colli vicini e formò una nuova città: Roma. La fondazione di Roma si fa risalire all’anno 753 a.C.: il calendario romano contò gli anni a partire da quella data. Secondo la tradizione il primo re di Roma fu Romolo. OSSERVO LE CARTE Osserva le carte in questa pagina e rispondi. - Come si chiama l’isolotto nel Tevere vicino al colle Palatino? ... - Dove si trova l’Etruria rispetto al colle Palatino? ☐ A nord. ☐ A sud. - Quale via di comunicazione naturale collega il colle Palatino alla costa? ... - Dove sfocia il Tevere? ☐ Nel Mar Tirreno. ☐ Nel Mar Adriatico. - La foce del fiume è: ☐ vicina. ☐ distante. - Il mare quindi: ☐ era una risorsa per i Romani. ☐ non era una risorsa per i Romani. Concetti CHIAVE Roma fu fondata nel Lazio, sui colli vicino al fiume Tevere, non lontano dal mare. Il luogo, posto tra le terre etrusche e la Magna Grecia, era favorevole ai commerci, all’agricoltura e alla pastorizia. La storia di Roma comincia nel 753 a.C.

Dalle origini alla repubblica

  • In quale luogo fu fondata Roma?

  • Quali vantaggi offriva il territorio?

  • Quando fu fondata?


Il territorio dell’antico Lazio era in gran parte pianeggiante; infatti la parola Lazio significa «ampio, spazioso». La pianura era attraversata dal fiume Tevere. Tutto intorno c’erano colline e piccoli rilievi. La fertilità del suolo, la mancanza di confini naturali, la vicinanza al mare e la presenza di acqua dolce rendevano questo territorio molto favorevole all’agricoltura e al commercio. Per difendersi dalle inondazioni del fiume e dai nemici, alcune popolazioni si stabilirono sui colli in prossimità del Tevere e fondarono numerosi villaggi.

La fondazione di Roma

Il Lazio era abitato da popoli diversi: Latini, Sabini, Sanniti, Marsi e Campani. 
Queste genti si erano stabilite sui Colli Tiberini e sui Colli Albani, dedicandosi alla coltivazione di cereali, legumi, viti, ulivi e alla pastorizia, soprattutto di pecore e buoi. A nord, oltre il fiume Tevere, cominciava il territorio degli Etruschi; a sud si estendevano le colonie della Magna Grecia. 
I pastori latini scelsero di stabilirsi sul colle Palatino, che era in una posizione ideale: vicino al Tevere, nel punto in cui un isolotto divideva il fiume in due rami poco profondi. In quel punto vi era un guado (detto rumon) e transitavano le merci da e per le ricche città dell’Etruria e della Magna Grecia. 
Il Tevere, inoltre, era una via d’acqua naturale per il commercio del sale, prodotto nelle saline alla foce del fiume. Grazie a quei commerci gli abitanti del Palatino divennero ricchi e potenti, il villaggio crebbe, si fuse con quelli dei colli vicini e formò una nuova città: Roma
La fondazione di Roma si fa risalire all’anno 753 a.C.: il calendario romano contò gli anni a partire da quella data. Secondo la tradizione il primo re di Roma fu Romolo.


OSSERVO LE CARTE

  • Osserva le carte in questa pagina e rispondi. 
    - Come si chiama l’isolotto nel Tevere vicino al colle Palatino? ...
    - Dove si trova l’Etruria rispetto al colle Palatino?
    ☐ A nord. 
    ☐ A sud.
    - Quale via di comunicazione naturale collega il colle Palatino alla costa? ...
    - Dove sfocia il Tevere?
    ☐ Nel Mar Tirreno.
    ☐ Nel Mar Adriatico.
    - La foce del fiume è:
    ☐ vicina.
    ☐ distante.
    - Il mare quindi:
    ☐ era una risorsa per i Romani.
    ☐ non era una risorsa per i Romani.


Concetti CHIAVE

  • Roma fu fondata nel Lazio, sui colli vicino al fiume Tevere, non lontano dal mare.

  • Il luogo, posto tra le terre etrusche e la Magna Grecia, era favorevole ai commerci, all’agricoltura e alla pastorizia.

  • La storia di Roma comincia nel 753 a.C.