FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 5

La monarchia Chi governava Roma quando fu fondata? Quanto durò quella forma di governo? Per quasi 250 anni Roma fu una monarchia e fu governata da un re che aveva molti poteri: era la massima autorità religiosa, comandava l’esercito e amministrava la giustizia. Il re veniva eletto dal senato, un’assemblea formata dai capi religiosi e dai patrizi, i membri delle famiglie più importanti (si trattava, perciò, di una monarchia elettiva). Il senato aveva anche il compito di proporre le leggi, prendere decisioni, gestire le tasse, organizzare le feste e le cerimonie religiose. Non si sa con esattezza quanti furono i re di Roma, ma la tradizione ne ricorda sette. I primi quattro erano di origine latina e sabina; gli ultimi tre erano di origine etrusca. Romolo fu il leggendario fondatore e il primo re di Roma. Probabilmente fu aiutato a governare dal sabino Tito Tazio. Numa Pompilio, sabino, rinnovò il calendario e pose a capo della religione un pontefice massimo. Tullo Ostilio conquistò gli Albani, che abitavano sui colli vicini, ed estese i domini romani nel Lazio. Anco Marzio fece costruire un ponte di legno sul Tevere e il porto di Ostia per favorire i commerci. Tarquinio Prisco fece costruire il foro, la grande piazza al centro della città, e le fognature. Servio Tullio circondò Roma di una cinta muraria. Stabilì che i cittadini pagassero le tasse in base alla loro ricchezza. Tarquinio il Superbo si dimostrò ingiusto e violento, perciò i Romani lo cacciarono dalla città. Fu l’ultimo re di Roma. La monarchia finì nel 509 a.C., quando il senato tolse il potere al re Lucio Tarquinio, detto il Superbo. Concetti CHIAVE Dalla sua fondazione fino al 509 a.C. Roma fu una monarchia governata da un re. Il re aveva molti poteri ed era eletto dal senato. Il senato proponeva le leggi, gestiva le tasse, organizzava le cerimonie religiose. Mosaico raffigurante la personificazione di Roma. Le parole della STORIA La parola senato deriva da senex, che vuol dire «vecchio». Era un consiglio di anziani: infatti i membri dovevano avere più di 46 anni, perché i Romani ritenevano che i più giovani non potessero avere la saggezza necessaria per esercitare il potere.

La monarchia

  • Chi governava Roma quando fu fondata?

  • Quanto durò quella forma di governo?


Per quasi 250 anni Roma fu una monarchia e fu governata da un re che aveva molti poteri: era la massima autorità religiosa, comandava l’esercito e amministrava la giustizia. Il re veniva eletto dal senato, un’assemblea formata dai capi religiosi e dai patrizi, i membri delle famiglie più importanti (si trattava, perciò, di una monarchia elettiva). Il senato aveva anche il compito di proporre le leggi, prendere decisioni, gestire le tasse, organizzare le feste e le cerimonie religiose. Non si sa con esattezza quanti furono i re di Roma, ma la tradizione ne ricorda sette. I primi quattro erano di origine latina e sabina; gli ultimi tre erano di origine etrusca.

Romolo fu il leggendario fondatore e il primo re di Roma. Probabilmente fu aiutato a governare dal sabino Tito Tazio.

Numa Pompilio, sabino, rinnovò il calendario e pose a capo della religione un pontefice massimo. 

Tullo Ostilio conquistò gli Albani, che abitavano sui colli vicini, ed estese i domini romani nel Lazio.

Anco Marzio fece costruire un ponte di legno sul Tevere e il porto di Ostia per favorire i commerci. 

Tarquinio Prisco fece costruire il foro, la grande piazza al centro della città, e le fognature. 

Servio Tullio circondò Roma di una cinta muraria. Stabilì che i cittadini pagassero le tasse in base alla loro ricchezza. 

Tarquinio il Superbo si dimostrò ingiusto e violento, perciò i Romani lo cacciarono dalla città. Fu l’ultimo re di Roma. 

La monarchia finì nel 509 a.C., quando il senato tolse il potere al re Lucio Tarquinio, detto il Superbo.

Concetti CHIAVE

  • Dalla sua fondazione fino al 509 a.C. Roma fu una monarchia governata da un re.

  • Il re aveva molti poteri ed era eletto dal senato.

  • Il senato proponeva le leggi, gestiva le tasse, organizzava le cerimonie religiose.