FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE SUSSIDIARIO DELLE DISCIPLINE 5

Che cos'è la globalizzazione? L’Impero romano fu vastissimo. Si estendeva per milioni di chilometri quadrati in tre continenti, comprendeva uomini di etnie e culture diverse, luoghi con climi e ambienti differenti. Ciascun territorio offriva prodotti che circolavano in tutto l’impero. Ovunque si poteva comprare grano dell’Egitto, olio di Spagna e Italia, vino di Grecia e Gallia, pagando tutto con il sesterzio. Ovunque si poteva comunicare in latino, frequentare teatri, terme, fori, templi. L’Impero romano fu il primo esempio di globalizzazione. La globalizzazione è un cambiamento della società che possiamo osservare ogni giorno nella nostra vita. Si verifica quando, grazie agli scambi e ai mezzi di comunicazione, le abitudini, i modi di vivere, di nutrirsi, di vestire e perfino di parlare e di pensare tipici di luoghi diversi si mescolano e si diffondono in tutto il mondo. Il mondo in una mano Quando i tuoi nonni erano piccoli non c’era Internet, la televisione esisteva da poco, i viaggi erano costosi e poco frequenti tra la gente comune; ognuno consumava soprattutto i prodotti del luogo in cui viveva. Oggi ci si sposta facilmente, i prodotti che usiamo provengono spesso da altri paesi, quasi ovunque nel mondo si può mangiare la pizza o il kebab, ciò che avviene in un angolo del pianeta può avere conseguenze immediate in luoghi lontani... Il mondo non è mai stato così «piccolo» e così interconnesso! FACCIAMO squadra! Fate insieme una ricerca: leggete le etichette dei vostri vestiti, degli oggetti che usate, dei cibi al supermercato. Dove sono stati prodotti? Da dove vengono? Stilate delle liste e preparate un cartellone con i risultati della vostra ricerca. Alcune persone temono che la globalizzazione ci faccia dimenticare le nostre tradizioni; altre invece pensano che sia una bella occasione per conoscere culture diverse e aprire la mente. Che cosa ne pensate?

Che cos'è la globalizzazione?

L’Impero romano fu vastissimo. Si estendeva per milioni di chilometri quadrati in tre continenti, comprendeva uomini di etnie e culture diverse, luoghi con climi e ambienti differenti. Ciascun territorio offriva prodotti che circolavano in tutto l’impero. Ovunque si poteva comprare grano dell’Egitto, olio di Spagna e Italia, vino di Grecia e Gallia, pagando tutto con il sesterzio. Ovunque si poteva comunicare in latino, frequentare teatri, terme, fori, templi. L’Impero romano fu il primo esempio di globalizzazione. La globalizzazione è un cambiamento della società che possiamo osservare ogni giorno nella nostra vita. Si verifica quando, grazie agli scambi e ai mezzi di comunicazione, le abitudini, i modi di vivere, di nutrirsi, di vestire e perfino di parlare e di pensare tipici di luoghi diversi si mescolano e si diffondono in tutto il mondo.

Il mondo in una mano

Quando i tuoi nonni erano piccoli non c’era Internet, la televisione esisteva da poco, i viaggi erano costosi e poco frequenti tra la gente comune; ognuno consumava soprattutto i prodotti del luogo in cui viveva. 

Oggi ci si sposta facilmente, i prodotti che usiamo provengono spesso da altri paesi, quasi ovunque nel mondo si può mangiare la pizza o il kebab, ciò che avviene in un angolo del pianeta può avere conseguenze immediate in luoghi lontani... Il mondo non è mai stato così «piccolo» e così interconnesso!

FACCIAMO squadra!

Fate insieme una ricerca: leggete le etichette dei vostri vestiti, degli oggetti che usate, dei cibi al supermercato. Dove sono stati prodotti? Da dove vengono? Stilate delle liste e preparate un cartellone con i risultati della vostra ricerca. Alcune persone temono che la globalizzazione ci faccia dimenticare le nostre tradizioni; altre invece pensano che sia una bella occasione per conoscere culture diverse e aprire la mente. Che cosa ne pensate?