FACCIAMO SQUADRA PER IMPARARE QUADERNO OPERATIVO STORIA E GEOGRAFIA 5

QUADERNO OPERATIVO Il Sarcofago degli sposi 1 Ricava informazioni sugli Etruschi «interrogando» questa fonte.Tipo di fonte: ..............................................Data: VI secolo a.C.Dove si trova: Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma2 Leggi il testo e scrivi tu le didascalie.Il Sarcofago degli sposi è una scultura in terracotta posta a ornamento di una tomba. Raffigura un uomo e una donna sdraiati su un kline, il letto su cui gli Etruschi si adagiavano durante i banchetti. La posizione dei personaggi fa pensare che si tratti di una coppia di sposi. La donna indossa un tipico copricapo etrusco, il tutulus, e calza dei sandali a punta; i suoi capelli sono acconciati in lunghe trecce. L’uomo ha barba a punta e capelli molto curati. Secondo gli studiosi, la posizione delle mani fa pensare che si stiano scambiando delle uova, come si usava fare durante i banchetti. I visi hanno un’espressione molto serena. L’atteggiamento affettuoso dell’uomo e la posizione dei personaggi fanno capire che presso gli Etruschi le donne erano rispettate e tenute in grande considerazione.

QUADERNO OPERATIVO

Il Sarcofago degli sposi

1 Ricava informazioni sugli Etruschi «interrogando» questa fonte.

Tipo di fonte: ..............................................
Data: VI secolo a.C.
Dove si trova: Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma

2 Leggi il testo e scrivi tu le didascalie.
Il Sarcofago degli sposi è una scultura in terracotta posta a ornamento di una tomba. Raffigura un uomo e una donna sdraiati su un kline, il letto su cui gli Etruschi si adagiavano durante i banchetti. La posizione dei personaggi fa pensare che si tratti di una coppia di sposi. La donna indossa un tipico copricapo etrusco, il tutulus, e calza dei sandali a punta; i suoi capelli sono acconciati in lunghe trecce. L’uomo ha barba a punta e capelli molto curati. Secondo gli studiosi, la posizione delle mani fa pensare che si stiano scambiando delle uova, come si usava fare durante i banchetti. I visi hanno un’espressione molto serena. L’atteggiamento affettuoso dell’uomo e la posizione dei personaggi fanno capire che presso gli Etruschi le donne erano rispettate e tenute in grande considerazione.